Allergia primaverile: 6 consigli per gestirla

È arrivata la primavera e con la bella stagione è tornata anche la fastidiosa allergia primaverile.
Questo tipo di allergia al polline è anche chiamata raffreddore da fieno o rinite allergica e circa il 20% della popolazione è vittima dei disturbi causati da questa comune allergia.

Quali sono i sintomi dell’allergia primaverile?

I sintomi o meglio le reazioni più frequenti dell’allergia primaverile sono:

  • Tosse;
  • Occhi che lacrimano per il prurito;
  • Occhi gonfi e occhiaie;
  • Congestione nasale;
  • Starnuti;
  • Prurito al naso o in gola;
  • Difficoltà di percezione del gusto e dell’olfatto.

Tuttavia, è da tener in considerazione che questi fastidi variano in base a diversi fattori come l’età delle persone: infatti alcune allergie come quella al polline si manifestano perlopiù durante l’adolescenza e si accentuano in presenza di particolari tipologie di piante che crescono in alcuni periodi dell’anno.

Tra le reazioni elencate, quella che senza dubbio si verifica di più rispetto alle altre è l’ostruzione nasale che coinvolge anche l’apparato uditivo. Infatti, in caso di rinite allergica, tendono a manifestarsi anche l’otalgia nota anche come dolore alle orecchie.  Questo accade perché tale ostruzione coinvolge le tube di Eustachio e genera un senso di otturazione e allo stesso tempo un calo uditivo.

Ad oggi, non esistono ancora rimedi definitivi per l’allergia primaverile ma è possibile ricorrere a terapie e farmaci che consentono di attutire i fastidi più frequenti.

6 consigli per gestire l’allergia primaverile

Ecco alcuni consigli da ricordare per alleviare i disturbi dell’allergia di primavera:

  1. Evitare di avere in casa piante e fiori;
  2. Non fumare ed evitare il fumo passivo;
  3. Lavarsi più spesso per eliminare i residui di polline dal corpo e soprattutto dai capelli;
  4. Usare gocce per gli occhi e indossare occhiali per proteggersi dal polline;
  5. Evitare luoghi all’aperto come boschi e campagne;
  6. Rivolgersi ad un specialista per ricevere consigli personalizzati in base ai sintomi causati dall’allergia primaverile.

 

 

Leave a comment